EQUITALIA: via allo sconto sulle cartelle esattoriali

Hai ricevuto una cartella da Equitalia?
Sai che puoi pagare il tuo debito senza sanzioni ed interessi?

 

Il nuovo piano di rottamazione delle cartelle Equitalia prevede il pagamento agevolato in 5 rate al massimo senza sanzioni e interessi di mora per tutti i debiti scaduti al 31/12/2016.

in pratica che cosa cambia e per chi?

i contribuenti che hanno debiti pendenti saranno tenuti a pagare soltanto il rispettivo debito originario.

entro quando fare domanda?

per aderire al nuovo piano rottamazione cartelle sarà necessario presentare domanda entro il 31 marzo 2017.

le scadenze delle rate saranno suddivise come segue:

– 3 rate, di pari importo, nel 2017 nei mesi di luglio, settembre e novembre;

– 2 rate, sempre di pari importo, nel 2018 nei mesi di aprile e settembre

chi può fare domanda?

Possono presentare domanda tutti i contribuenti che hanno ricevuto cartelle esattoriali dal 2000 al 2016 emesse da Regioni, Province, Comuni, Città metropolitane, per ruoli relativi ad imposte come Imu, Irpef, Irap, Ires, e a contributi previdenziali e assistenziali affidati dall’Agenzia delle Entrate, dall’Inps o dall’Inail.

chi non è ammesso?

Non rientrano nel nuovo piano di rottamazione le cartelle riguardanti l’Iva riscossa all’importazione, le multe, le ammende e le sanzioni pecuniarie dovute a seguito di provvedimenti e sentenze penali di condanna, i crediti da danno erariale per sentenze di condanna della Corte dei Conti, il recupero di aiuti di Stato, e infine le sanzioni pecuniarie dovute per provvedimenti e sentenze penali di condanna.

chi aderisce cosa deve fare?

Verificare con il proprio consulente che le cartelle rientrano nella casistica descritta e procedere con la presentazione di una istanza.

modulo e istruzioni per compilare la domanda

Il modulo per aderire alla definizione agevolata (così come prevista all’art. 6 del dl 193/2016) è scaricabile dal portale di Equitalia o ritirabile presso gli Sportelli dell’Agente di riscossione.

Il modulo dovrà essere compilato interamente e dovrà essere consegnato, insieme ad un documento di identità valido, presso gli Sportelli Equitalia oppure inviato a mezzo mail o alla casella e-mail/PEC della Direzione Regionale di Equitalia Servizi di riscossione di riferimento.

Sarà la stessa Equitalia a comunicare al contribuente l’ammontare complessivo degli importi dovuti, inviando i bollettini per il pagamento.

Se vuoi saperne di più contattami.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *